vai al contenuto. vai al menu principale.

Collegamenti ai social networks

Seguici su

Escursioni

Il piacere di vivere la montagna in estate

Per chi ama la montagna vera, la limpidezza dei cieli, la vastità degli orizzonti, l'emozione dell'altitudine, l'odore dei boschi, il canto dei ruscelli, la delicatezza delle praterie alpine, l'innalzamento dell'animo, Chamois, a 1800 metri, costituisce un avamposto privilegiato per escursioni che rimarranno a lungo negli occhi e nella mente, da quelle facili a quelle impegnative, dalla traversata a Cheneil alla salita al Grand Tournalin.

Note e convenzioni

Le direzioni indicate, destra o sinistra, si riferiscono al senso di marcia e sono pertanto diverse per salita e discesa.
Quando invece si specifica destra o sinistra orografica si intende l'ubicazione rispetto alla direzione del corso d'acqua, perciò opposta a quella di chi percorre la strada in salita.
I tempi di percorrenza sono calcolati ad un'andatura media, con passo costante, senza contare le opportune soste.

Segnaletica

In Valle d'Aosta tutta la sentieristica è indicata da una segnaletica di colore giallo.
La segnaletica verticale (cartelli su paline) e orizzontale (segni gialli su rocce ed alberi) è definita da una commissione regionale.
La numerazione, in nero su campo giallo, è quella indicata nelle carte topografiche della Comunità Montana Monte Cervino. I sentieri locali sono indicati da numeri da 1 a 99, inseriti in un cerchio.
I segni rettangolari, con numerazione superiore a 100, segnalano i sentieri intervallivi.
Le altre vie sono evidenziate da un triangolo.
I pali sono alti circa 3 mt. e sostengono cartelli di colore giallo che riportano, oltre alla destinazione, la numerazione e la tipologia del sentiero, il tempo di percorrenza, la direzione e la difficoltà.
Attenzione: contrariamente a quanto avviene in molte regioni alpine, strisce rosse o bianco-rosse non indicano un sentiero: sono i segni adottati nella nostra regione per delimitare le particelle forestali. Sebbene a tratti possano correre lungo i sentieri, non indicano degli itinerari escursionistici.

Consigli e attrezzatura

Gli itinerari descritti si svolgono lungo percorsi escursionistici che non richiedono particolari capacità o l'impiego di attrezzatura alpinistica.
Riportiamo comunque alcuni suggerimenti utili per limitare i rischi e per godere appieno di una giornata in montagna. In montagna il tempo può cambiare rapidamente: portare sempre, anche durante una serena giornata estiva, un indumento pesante e una giacca a vento impermeabile.
Usare scarpe comode: per itinerari lungo mulattiere o sentieri ben tracciati, un paio di scarpe da ginnastica con suola scolpita possono essere sufficienti; se si esce dai sentieri sono necessari degli scarponcini sopra la caviglia: in alta montagna sono indispensabili degli scarponi.
Non intraprendere una lunga escursione indossando delle scarpe nuove. Non dimenticare un cappello, degli occhiali da sole e della crema solare anche se la giornata è nuvolosa.
Portare sempre da bere e informarsi sulla possibilità di trovare acqua lungo il percorso.
Preferire cibi rapidamente assimilabili e senza imballaggi. Usare uno zaino comodo ed evitare di caricarsi eccessivamente. Informarsi sul percorso da seguire e, possibilmente, utilizzare una cartina topografica. Non affrontare percorsi troppo impegnativi per la propria preparazione.
Segnalare sempre a qualcuno il proprio itinerario prima della partenza e non cambiare destinazione. Seguire i sentieri ed evitare di prendere delle scorciatoie.
Può essere utile portare con se il telefono cellulare (meglio se spento...) ma bisogna ricordare che molte zone di montagna non sono "coperte" da segnale telefonico.
Se non si è un escursionista esperto è meglio non partire da soli.

Raccomandazioni

Il buon escursionista non lascia tracce del proprio passaggio: non abbandonate nessun tipo di rifiuto. Siate rispettosi dell'ambiente che vi circonda: non uscite dai sentieri, non fate schiamazzi, non disturbate gli animali, non raccogliete fiori.
Rispettate la proprietà privata: ricordate che anche i terreni all'interno dei Parchi sono in maggioranza di proprietà privata, i pascoli vengono irrigati e concimati, i boschi consortili sono regolarmente curati.
Fate i vostri bisogno lontano dai sentieri e dalle sorgenti. Non accendete fuochi.

Link